Cerca nel web

sabato 19 marzo 2016

#Almanacco quotidiano, a cura di #MarioBattacchi

Buongiorno, oggi è il 19 marzo.
Il 19 marzo 1687 gli uomini di De la Salle si ammutinarono e lo uccisero.
René De La Salle era un esploratore che si imbarcò per il Canada nel 1666. Durante questi anni di vita selvaggia fu folgorato dalle leggende che circolavano tra indiani e cacciatori sull'esistenza nel continente di un intricato sistema fluviale che, debitamente utilizzato, permetteva al Canada un facile accesso al Golfo del Messico e al Pacifico. Elaborò allora un ambizioso progetto che prevedeva la fondazione di una serie di stazioni di posta fortificate lungo il corso dell' Illinois e lungo tutto il Mississippi, se il primo era affluente del secondo come si diceva, che avrebbero fatto capo ad una prospera cittadina che sarebbe sorta alla foce del Mississippi e che avrebbe catalizzato tutti gli scambi tra il Nord America e l' America Spagnola. Così deciso rientrò in Francia nel 1674 e nel 1677, ottenne un titolo nobiliare, la signoria su Fort Frontenac e una licenza di monopolio per il commercio delle pelli di bufalo. Tornò in Canada e cominciò a mettere in atto il suo progetto dopo aver consolidato l'alleanza e l'amicizia con i nativi. Reclamò per la Francia tutte le terre lambite dal Mississippi (1683) e chiamò questa regione Louisiana in onore del re Luigi XIV. Portò in Francia la notizia della scoperta e ottenne dal re l'autorizzazione ad organizzare una spedizione che prendesse effettivamente il possesso della Louisiana e della foce del Mississippi e ne cominciasse la colonizzazione. Il 24 Luglio del 1684 De La Salle partì da Rochefort con quattro navi e 280 coloni alla volta del Golfo del Messico. Per di più il momento pareva particolarmente favorevole alla riuscita dei piani di De La Salle dato che la Francia era in guerra con la Spagna. Di conseguenza dalla cittadina che aveva intenzione di fondare poteva tranquillamente attaccare il Messico via terra. Senza contare che, una volta ultimata, la sua catena di stazioni di posta avrebbe bloccato l'avanzata inglese verso Ovest aprendo così quella dei coloni francesi del Canada, ed inoltre lo avrebbe reso il re del commercio di pelli e di pellicce. Ma la sorte da subito non irrise alla spedizione. Una serie di tempeste danneggiò la navi e parte del carico; i pirati abbordarono il convoglio, uccisero alcuni coloni e derubarono gli altri e oltretutto, causa la difettosità degli strumenti di bordo e l'approssimatività delle carte, la spedizione mancò la foce del Mississippi di circa 400 miglia e prese terra nella Matagorda Bay (Texas) nel Febbraio del 1685. Qui fu fondato un forte provvisorio, Fort St. Louis, che avrebbe dovuto fungere da base e da riparo momentaneo per i coloni. Nel frattempo De La Salle si impegnò in una serie di esplorazioni che dovevano portarlo a ritrovare la foce del Mississippi. Ma durante la sua assenza, durata fino al marzo 1686, i lavori di edificazione del villaggio e il dissodamento delle terre procedevano a rilento. Erano arrivati anche per questa colonia malattie e malnutrizione. In molti morirono, qualcuno si rifugiò presso gli indiani dell'East Texas, qualcun altro tentò la fuga ma fu massacrato dagli indiani delle praterie. De La Salle morì nel 1687 durante una ricognizione e Fort St. Louis e i suoi occupanti si trovarono in balía di se stessi. Ci pensarono gli indiani Karawankas, attorno al Natale del 1688, a porre fine all'agonia del forte massacrando tutti, escluso i bambini che presero con sè, e distruggendo e bruciando tutte le costruzioni.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog

Archivio blog