Cerca nel web

venerdì 30 novembre 2018

#Almanacco quotidiano, a cura di #MarioBattacchi

Buongiorno, oggi è il 30 novembre.
Il 30 novembre 1954 Ann Hodges divenne la prima persona a venire colpita da un oggetto extraterrestre.
"I residenti di Sylacauga ed altri provenienti da più lontano, da Tuscaloosa, videro uno strano oggetto striare il cielo pomeridiano e sentirono rumori descritti come esplosioni o suoni sordi", racconta MJ Ellington sul Decatur Daily, quando nel 2006 raccontò l'episodio.
Nel frattempo, Ann Elizabeth Hodges si trovava sul divano di casa sua, a Sylacauga, Alabama, quando fu svegliata da un forte rumore e qualche dolore. Si alzò e fece una scoperta davvero sorprendente: una roccia nera di ignota provenienza si trovava nel suo salotto. La signora Hodges divenne, in questo modo e involontariamente, la prima persona al mondo nella storia moderna e di cui si aveva notizia ad essere stata colpita da un sasso caduto dallo spazio.
Si trattava di un meteorite, un pezzo di una meteora che aveva penetrato e resistito all'atmosfera per finire nel salotto di casa Hodges. E con una traiettoria del tutto insolita: caduta dal cielo, infatti, aveva forato il tetto dell'abitazione, rimbalzato sulla radio per finire direttamente sulla coscia dell'ignara donna. Una foto di Ann Hodges nel 1954 mostra il livido lasciato sulla sua coscia dopo essere stata colpita dal meteorite. Nel dicembre dello stesso anno, la rivista Life definì “l'incidente” come “il primo caso di aggressione da parte di un autentico missile cosmico nei confronti degli Stati Uniti” e soprannominò il meteorite opaco e nero Big Bruiser From The Sky.
Il meteorite riscosse un'immediata reazione a Sylacauga. Secondo l'Encyclopedia of Alabama, più di 200 persone, tra vicini, amici, sconosciuti e i media, rimasero sconvolti dall'accaduto. Billy Field, un cittadino di Sylacauga, fu intervistato sul meteorite da parte della University of Alabama Honors College, nel 2009. “Mi ricordo che là fuori, c'erano auto in fila come se tutto l'Alabama stesse andando ad una partita di calcio. Le auto erano in fila e, lentamente, tutte passavano davanti l'abitazione della signora Hodges per guardare la casa della stella cadente”, racconta Field, professore di telecomunicazioni e cinema nello stato dell'Alabama. "La gente giungeva nelle vicinanze della casa, l'avrebbe guardata e osservato la porta sul retro".
Dopo una lunga battaglia legale, la signora Hodges e suo marito assicurarono l'oggetto delle dimensioni di un pompelmo e lo donarono in seguito al Museo di Storia Naturale dell'Alabama, dove si trova tuttora.
Una storia ai limiti della realtà quella della signora Hodges. Gli astronomi oggi dichiarano che le possibilità di una collisione con un meteorite sono davvero molto basse, ma non impossibili. E, si sa, sebbene il mondo sia tanto grande, gli scherzi del destino ci mettono lo zampino. Tanto che, in un Universo immenso, su di un pianeta vasto, un continente tanto grande, un meteorite può persino raggiungere il salotto di casa.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog

Archivio blog