Cerca nel web

domenica 22 novembre 2015

#Almanacco quotidiano, a cura di #MarioBattacchi

Buongiorno, oggi è il 22 novembre.
Il 22 novembre 1963 a Dallas, in Texas, il presidente americano John F. Kennedy viene assassinato mentre, insieme alla moglie Jaqueline, al governatore del Texas Connally e sua moglie, transitava in limousine nelle vie della città.
La maggior parte dei testimoni riferì di aver sentito tre spari. Responsabile dell'omicidio fu subito ritenuto Lee Harvey Oswald, un impiegato che dalle finestre della ditta per cui lavorava esplose 3 colpi di fucile verso il presidente. Lee non giunse mai a un processo perchè fu ucciso due giorni dopo da Jack Ruby, un gestore di un night club, che a suo dire lo uccise per risparmiare a Jaqueline la sofferenza di un processo.
Il vicepresidente Lyndon Johnson affidò al presidente della corte suprema Earl Warren le indagini sull'omicidio, creando la cosiddetta commissione Warren. Questa concluse che Oswald agì da solo, sparando tre colpi. Il primo a vuoto, il secondo colpì alla schiena il presidente, uscì dalla gola, entrò nella schiena di Connally, gli perforò il torace, trapassò il polso destro e si fermò nella coscia del governatore; il terzo infine colpì Kennedy in testa causandogli la ferita mortale.
Questa tesi fu considerata talmente inattendibile, soprattutto in relazione al secondo proiettile che avrebbe compiuto un percorso alquanto tortuoso nel corpo di due uomini rimanendo quasi integro, che nel 76 fu istituita una seconda commissione d'inchiesta, la quale giunse alla conclusione che ci fu un complotto, perpetrato da più uomini, e che vi fu probabilmente un quarto colpo sparato da un'altra persona.
Tuttavia l'unica posizione da cui potrebbe essere stata sparata una quarta pallottola, una collinetta erbosa nei pressi, viene mostrata da alcune istantanee scattate quel giorno, assolutamente vuota; inoltre non sono mai state trovate prove che fossero stati sparati colpi provenienti da un'arma diversa da quella usata da Oswald.
Ad oggi, non vi è alcuna certezza su come sia stato assassinato il trentacinquesimo presidente degli Stati Uniti d'America.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog

Archivio blog