Cerca nel web

sabato 1 ottobre 2016

#Almanacco quotidiano, a cura di #MarioBattacchi

Buongiorno, oggi è il primo ottobre.
Il primo ottobre 1975 si disputa a Manila il terzo incontro di pugilato tra Mohammed Alì e Joe Frazier.
Sono passati 3oltre 40 anni, ma per chi ama la boxe quel giorno non si può dimenticare. Fu chiamato "Thrilla in Manila", Muhammad Ali contro Joe Frazier, il terzo incontro della loro serie, e fu uno dei combattimenti più belli fra pesi massimi (molti sostengono il migliore in assoluto) nella storia del pugilato.
L'idolo dei neri e "ribelle" che si era rifiutato di andare in Vietnam, che non stava mai zitto ed era gia' il più grande, contro il rivale "Smokin' Joe" di umilissime origini, oro olimpico a Tokyo come l'ex Cassius Clay a Roma 4 anni prima, tranquillo fuori dal ring quanto cattivo dentro, potente e autore di KO spettacolari al punto di farsi amare perfino dai banchieri di Wall Street. Proprio per questo prima dell'incontro il campione in carica, "The Greatest", lo accusò di "essersi messo al soldo dei bianchi".
Ali-Frazier a Manila fu davvero un thriller, come da slogan inventato da Don King, che l'anno prima aveva organizzato un altro evento da leggenda e lo aveva chiamato "Rumble in the jungle", Muhammad Ali che mise KO George Foreman a Kinshasa mentre la gente gli gridava "Ali boma ye", ovvero "ammazzalo".
Una mattanza fu invece il terzo Ali-Frazier, ancora più bello delle due sfide precedenti. Che cosa fu quell'incontro lo spiegò alla fine Ali, che pure aveva vinto: "è stato quanto di più vicino alla morte".
Frazier venne fatto rimanere all'angolo dai suoi all'inizio della 15/a ed ultima ripresa: Joe era stremato, una maschera di sangue, distrutto dai jab dell'avversario che gli avevano "chiuso" gli occhi. Ma al limite era arrivato anche l'uomo che prima della conversione all'Islam si chiamava Cassius Clay, non proprio il prototipo del campione umile, che però quella volta ammise: "se Joe non si fosse ritirato, non so se avrei potuto continuare".
Quel combattimento fu talmente duro, anzi brutale, e quel successo per abbandono talmente "sudato", che Ferdie Pacheco, il medico di Muhammad Ali, si convinse che alla base del morbo di Parkinson che ha tormentato la vita del Campione dei campioni ci furono i danni cerebrali riportati sul ring di Manila, per i colpi, in particolare quei ganci di sinistro, che Frazier scagliò sul rivale. "Lui mi pensa, ogni giorno quando scende dal letto mi pensa", ha detto molti anni dopo lo stesso Frazier per sostenere che Pacheco aveva ragione. Di sicuro "Thrilla in Manila" se non fu l'incontro del secolo, poco ci manca.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog

Archivio blog