Cerca nel web

giovedì 2 giugno 2016

#Almanacco quotidiano, a cura di #MarioBattacchi

Buongiono, oggi è il 2 giugno.
Il 2 giugno si festeggia la festa della Repubblica, in ricordo del referendum del 1946 con il quale gli italiani scelsero questa forma di Stato.
Il 2 e il 3 giugno 1946 si tenne, infatti, il referendum istituzionale indetto a suffragio universale con il quale gli italiani venivano chiamati alle urne per esprimersi su quale forma di governo, monarchia o repubblica, dare al Paese, in seguito alla caduta del fascismo. Dopo 85 anni di regno, con 12.718.641 voti contro 10.718.502 l'Italia diventava repubblica e i monarchi di casa Savoia venivano esiliati.
Il 2 giugno celebra la nascita della nazione, in maniera simile al 14 luglio francese (anniversario della Presa della Bastiglia) e al 4 luglio statunitense (giorno in cui nel 1776 venne firmata la dichiarazione d'indipendenza).
In tutto il mondo le ambasciate italiane tengono un festeggiamento cui sono invitati i Capi di Stato del Paese ospitante. Da tutto il mondo arrivano al Presidente della Repubblica Italiana gli auguri degli altri capi di Stato e speciali cerimonie ufficiali si tengono in Italia.
Prima della fondazione della Repubblica, la festa nazionale italiana era la prima domenica di giugno, festa dello Statuto albertino.
Con la legge 5 marzo 1977, n.54, soprattutto a causa della congiuntura economica sfavorevole, la Festa della Repubblica fu spostata alla prima domenica di giugno. Solamente nel 2001 su impulso dell'allora Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, il secondo governo Amato, con la legge n. 336 del 20 novembre 2000, riportò le celebrazioni al 2 giugno, che quindi tornò ad essere un giorno festivo.
La festa prevede una imponente parata militare  in onore della Repubblica che si svolge lungo i Fori Imperiali. La prima parata venne celebrata nel 1948. Uno dei momenti più importanti e toccanti della cerimonia è la deposizione di una corona d’alloro al Milite Ignoto presso l’Altare della Patria.
Alla Festa della Repubblica partecipano tutte le Forze Armate, le Forze di Polizia, il Corpo dei Vigili del Fuoco, la Croce Rossa e le più alte cariche dello Stato insieme con il Presidente della Repubblica. I festeggiamenti sono fregiati anche dalle evoluzioni acrobatiche delle Frecce Tricolore.
Nel pomeriggio vengono aperti i giardini del palazzo del Quirinale ed i festeggiamenti si concludono con le musiche della banda dell’ Esercito Italiano, della banda dell’Aeronautica Militare Italiana, della Marina Militare Italiana e di tutti i corpi militari dello Stato.


Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog

Archivio blog