Cerca nel web

martedì 16 ottobre 2012

Nella luce del sole non brillava gioia alcuna, #Cuore di #tenebra, Joseph #Conrad, #giungla, #foresta pluviale, #citazione



Risalire quel fiume era come viaggiare a ritroso verso i più remoti primordi del mondo, quando la vegetazione invadeva la terra e i grandi alberi ne erano sovrani. Un corso d’acqua deserto, un silenzio profondo, una foresta impenetrabile. L’aria era calda, spessa, greve, ferma. Nella luce del sole non brillava gioia alcuna. Lunghi tratti d’acqua correvano, deserti, nel buio di lontananze ombrose. Sulle rive argentate, ippopotami e alligatori si crogiolavano al sole, fianco a fianco. Nei punti più ampi, le acque scorrevano tra una quantità d isolotti boscosi; su quel fiume ci si poteva smarrire come in un deserto, si sbatteva per giornate intere alla ricerca di un canale navigabile finché non si aveva la sensazione di essere vittime di un incantesimo e tagliati fuori da tutto quel che era noto un tempo – chissà dove – lontano – forse in un’altra vita. C’erano momenti in cui il passato tornava alla mente, come succede quando non si ha un attimo da dedicare a se stessi; ma assumeva i contorni di un sogno inquieto e chiassoso, il cui ricordo suscitava meraviglia nell’opprimente realtà di questo strano mondo di piante, d’acqua e di silenzio. E l’immobilità di questa vita non aveva nulla che assomigliasse alla pace. Era l’immobilità di una forza implacabile che covava un’intenzione imperscrutabile. 


(Joseph Conrad, Cuore di tenebre, Milano, Mondadori (“Oscar Classici”), p. 117)

(Immagine sopra, tratta da





4 commenti:

  1. Gavino Dettori16 ottobre 2012 15:04

    "Nella luce del sole non brillava gioia alcuna."
    "Sulle rive argentate, ippopotami e alligatori si crogiolavano al sole, fianco a fianco"
    Due passaggi del brano che, in sostanza, si contraddicono.Nel comportamento di ippopotami e alligatori vedo gioia nal crogiolarsi al sole "fianco a fianco"!!!
    Oppure devo pensare che la luce del sole debba essere gioia solo per l'uomo e non anche per gli altri esseri viventi?????

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. gavino dettori17 ottobre 2012 15:44

      ...e solo perchè si chiama Conrad ha il permesso di contraddirsi?????

      Elimina
  3. Sì, in genere i grandi narratori lo fanno. Ma qui Conrad spiega come l'oscurità del sole nella dimensione foresta equatoriale è Ombra all'occhio umano, non agli esseri che a quella natura Altra dall'umano appartengono. All'umano civilizzato, contrapposto al Selvaggio, alla Widerness.

    RispondiElimina

Cerca nel blog

Archivio blog