Cerca nel web

sabato 17 marzo 2018

#Almanacco quotidiano, a cura di #MarioBattacchi

Buongiorno, oggi è il 17 marzo.
Il 17 marzo viene festeggiato in tutto il mondo il celeberrimo St. Patrick’s Day dedicato a San Padráigh (Patrizio), il patrono dell’Eire che cristianizzò gli irlandesi. Oggi venerato come santo dalla Chiesa cattolica e ortodossa, San Patrizio è patrono dell’Irlanda, assieme a San Columba di Iona ed a Santa Brigida d’Irlanda.
Rapito da pirati irlandesi all’età di 16 anni, fu venduto come schiavo al re del North Dal Riada, nell’odierna Irlanda del Nord, dove apprese la lingua gaelica e la religione celtica. Fuggì dalla corte del re dopo sei anni,  divenne quindi diacono e poi vescovo. Da papa Celestino I gli fu affidata l’evangelizzazione delle isole britanniche e nel 431-432 iniziò il suo apostolato in terre irlandesi, all’epoca quasi interamente pagane. Dalla sua opera di predicatore nacque la corrente del Cristianesimo celtico, che combina elementi cristiani e pagani. A lui si deve ad esempio l’introduzione del simbolo della croce solare sulla croce latina, da cui nacque la croce celtica, simbolo del Cristianesimo celtico, come anche l’emblema nazionale irlandese, il trifoglio, che il Santo utilizzò per spiegare al popolo il concetto cristiano della Trinità (tre entità distinte, come le foglioline, riunite in un’unica pianta).
La Festa di San Patrizio è stata inserita nel calendario liturgico della Chiesa cattolica all’inizio del XVII secolo, su pressione dello storico, nonché frate francescano, Luca Wadding, ma il santo missionario veniva celebrato in alcune chiese irlandesi già da molti anni.
Oggi il St. Patrick’s Day, oltre ad essere festa nazionale per la Repubblica d’Irlanda, viene celebrato dalle comunità irlandesi di tutto il mondo, dal Canada al Regno Unito, Australia, Stati Uniti, Argentina e Nuova Zelanda, come simbolo della propria identità nazionale. L’evento maggiore si svolge a Dublino, ma la ricorrenza è anche festeggiata da non-irlandesi, attratti dai toni folkloristici della giornata e dalla possibilità di gustare buona birra immersi nell’atmosfera festosa che contraddistingue questa ricorrenza.
Le feste più grandi e caratteristiche fuori dall’Irlanda si festeggiano nelle città e nelle nazioni che ospitano una forte componente irlandese, come gli Stati Uniti (San Patrizio è anche il patrono della città di Boston) e il Canada (nella bandiera della città di Montréal è raffigurato anche un trifoglio, per testimoniare la fortissima presenza irlandese in città), ma come detto, la festa ha fatto ormai il giro del mondo e iniziative a lei ispirate sorgono praticamente ovunque. Le celebrazioni sono generalmente incentrate su tutto ciò che ha a che fare con l’Irlanda, a partire dal colore verde (simbolo dell’isola): si è soliti durante la giornata mangiare cibo di quel colore e vestirsi della stessa tonalità. Simbolo irrinunciabile è poi il trifoglio, emblema dell’opera di evangelizzazione portata avanti da San Patrizio, ma anche, nei secoli successivi, simbolo della classe contadina e della ribellione contro la corona britannica durante il XIX secolo. In questo periodo vestire qualcosa di verde, o il trifoglio sull’uniforme militare, era considerato crimine mortale e da qui il forte legame tra il colore e l’orgoglio nazionale irlandese, il così detto “The Wearing of the Green”. Altro simbolo di San Patrizio è il “Leprechaun”, il folletto dell’Irlanda: la notte tra il 16 e il 17 marzo sono in molti a lasciare per lui un bicchiere di latte sul davanzale della finestra ed è la sua maschera ad aprire le sfilate nelle varie città per il giorno di San Patrizio.
Per l’occasione numerosissime sono le iniziative in calendario nelle maggiori città italiane, molte delle quali hanno ospitato negli anni passati veri e propri festival all’insegna della cultura irlandese. Prima fra tutte Milano, con il San Patrizio Milano Festival, seguita da Bologna e Roma, dove è stato possibile degustare un assaggio di un piatto tipico della cucina irlandese e la celebre birra Guinness, accompagnati da musica e tanto divertimento, a bordo dei tram storici dell’Atac. Diverse città d’Italia hanno dato inoltre il proprio contributo alla festa irlandese illuminando di verde alcuni dei monumenti più rappresentativi, dalla Torre di Pisa, alla Fontana di Piazza dei Martiri di Ferrara, alla Porta di San Giacomo di Bergamo.
I festeggiamenti raggiungeranno oggi il clou ovviamente anche a Dublino, con la spettacolare e coloratissima parata del 17 marzo.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog

Archivio blog