Cerca nel web

giovedì 1 dicembre 2016

#Almanacco quotidiano, a cura di #MarioBattacchi

Buongiorno, oggi è il primo dicembre.
Il primo dicembre 1999 viene inaugurato a Dubai l'Hotel Burj Al-Arab, l'unico albergo al mondo a 7 stelle.
Considerato ormai da lungo tempo il simbolo stesso della ricchezza, opulenza e fasto di Dubai, Burj al Arab è un albergo di lusso, il primo albergo a sette stelle del mondo. Burj al Arab è situato in una isola artificiale nei pressi della spiaggia di Jumeirah a 280 metri dalla costa. L'isola è collegata alla terra ferma da un ponte che permette il passaggio delle auto.
Progettato da Tom Wright, con i suoi 321 metri di altezza attualmente Burj al Arab è la più alta costruzione al mondo completamente dedicata ad hotel. La sua forma ricorda, in maniera abbastanza evidente, una vela gonfia di vento. La struttura è formata da un esoscheletro di acciaio e da una torre interna di cemento armato. Le due strutture sono collegate tra loro, oltre che da montanti di acciaio, da una vela di teflon che contribuisce a dare la caratteristica struttura alla costruzione.
In un lato della vela trova posto una piattaforma sospesa circolare, usata per lo più come pista di atterraggio degli elicotteri. In passato però la stessa piattaforma è stata temporaneamente destinata ad usi diversi. Epico è stato, ad esempio, l'incontro amichevole di tennis tra Federer ed Agassi.
Gli interni, disegnati da Khuan Chew, ideatore, tra l'altro, del palazzo del sultano del Brunei, dell'aeroporto internazionale di Dubai e della località di villeggiatura di Jumeirah, non lesinano ricchezza ed opulenza. Ad esempio Burj al Arab è l'albergo con l'atrio più alto al mondo: 180 metri per una accoglienza che può letteralmente togliere il fiato.
Tanto sfarzo, ricchezza e servizio, ovviamente, si pagano. Le 202 suites dell'albergo (la più piccola di 169 metri quadrati e la più grande di 780 metri quadrati) hanno un prezzo compreso tra i 1.000 ed i 15.000 dollari a notte.
Se pensate di andarlo a visitare preparate 30 euro, l’ingresso è a pagamento!

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog

Archivio blog