Cerca nel web

giovedì 23 marzo 2017

#Almanacco quotidiano, a cura di #MarioBattacchi

Buongiorno, oggi è il 23 marzo.
Il 23 marzo 1987 in USA va in onda la prima puntata di "The bold & the beautiful", da noi nota semplicemente come Beautiful.
In seguito all’enorme successo di “The Young and The Restless”, la rete americana CBS sembrava seriamente intenzionata a produrre una nuova soap con gli stessi ingredienti e soprattutto con la stessa direzione, da affidare ai creatori di Y&R, Bill Bell e la moglie Lee Phillip Bell. Dopo vari rifiuti dei Bell, nel 1985 Bill e Lee decisero di accettare la proposta della CBS, prevalentemente al fine di permettere ai figli maschi, Bradley e Bill Jr. di entrare nel mondo dello spettacolo con questa dorata occasione, dal momento che la figlia Lauracee già faceva parte del cast di Y&R. Per produrre il nuovo show fu creata una società apposita, la Bell-Phillip, nella quale Bill Jr. assunse il ruolo di responsabile del settore commerciale e produttivo, mentre Bradley divenne capo-sceneggiatore e produttore esecutivo. I Bell vivevano e lavoravano a Chicago, ma per questioni finanziarie e produttive, decisero di ambientare la soap nella più economica Los Angeles, più ricca di studi e meno impegnativa dal punto di vista dei costi di produzione.
  Fu Bill Jr. a suggerire la moda come tema principale del nuovo show, così come l’idea di girare il primo episodio come se si fosse al centro del backstage di una sfilata di moda, per introdurre subito i telespettatori nell’ambiente della soap. Bill Bell si occupò del casting, chiamando subito a far parte del cast Susan Flannery, che già aveva lavorato con lui a cavallo tra gli anni ’60 e ’70 nella soap “Days of our lives”: la partecipazione di Susan alla nuova soap avrebbe senz’altro giovato, in quanto l’attrice nel 1975 aveva vinto un Emmy. Bell successivamente scritturò altri attori già apparsi in Y&R, quali John McCook (Eric Forrester), Jim Storm (Bill Spencer), Lauren Koslow (Margo Linley), Katherine Kelly Lang (Brooke Logan in B&B - Gretchen in Febbre d'Amore ) mentre per gli altri membri del cast più giovani, si affidò a nuove leve, scelte in base a provini.
Il primo titolo proposto da Bell per la soap, “Rags” (=stracci) fu scartato, in quanto ritenuto inadatto al tenore di vita previsto per i Forrester e al tono in generale della soap: fu proprio l’idea di lusso e ricchezza che suggerì a Bill Bell il nuovo titolo “Glamour”. La direzione della CBS scartò anche questa ipotesi, spingendo Bell a cercare un titolo che assomigliasse a Y&R al fine di far comprendere al pubblico che la “mente” che stava alla base di entrambi gli show era la stessa e per sfruttare pienamente il successo di Y&R. Da qui nasce il parallelismo The Young and The Restless (Y&R)/The Bold and The Beautiful (B&B), senz’altro intuitivo per i telespettatori! Le somiglianze non riguardavano peraltro solamente il titolo, Bell fu accusato dalle riviste specializzate di aver copiato anche troppo da Y&R, proponendo degli intrecci e delle vicende già viste nell’altra soap e partendo addirittura dallo stesso incipit, ossia il parallelismo tra due famiglie, una ricca e agiata (i Forrester), l’altra povera e senza capo-famiglia (i Logan), senza dimenticare l’idea del “triangolo” già abbondantemente sperimentata in Y&R (Caroline/Brooke/Ridge, Rocco/Katie/Donna…). Solo successivamente B&B si è distaccato dal suo prototipo, acquistando autonomia e originalità, affrontando nel corso degli anni anche delicati temi sociali (il problema dei senzatetto nel periodo dell’amnesia di Stephanie, l’alcolismo con Macy, gli abusi sessuali con Caroline e Jake MacClaine ecc), diventando un vera e propria “soap di moda” solo con l’entrata in scena di Darlene Conley, la grintosa Sally Spectra, titolare delle casa di moda avversaria delle "Forrester Creations", la "Spectra Fashion".
Sebbene B&B non abbia mai superato in ascolti Y&R, rimane saldamente al secondo posto degli ascolti in Usa nella categoria delle soap, mentre è la soap più vista in molti altri paesi, Italia compresa.

Nessun commento:

Posta un commento

Cerca nel blog

Archivio blog